Bassanesi, Giovanni

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

nascita 27.3.1905 Aosta (I), morte 19.12.1947 Montelupo Fiorentino (I), cittadino it. Conseguì il diploma di maestro elementare. Libero pensatore e di idee democratiche, emigrò a Parigi nel 1927, dove aderì alla Lega it. dei diritti dell'uomo e si avvicinò al movimento di Giustizia e Libertà (G & L). Con Alberto Tarchiani e Carlo Rosselli, capi di G & L, e l'aiuto di alcuni socialisti ticinesi progettò un volo su Milano. L'11.7.1930 partì con Gioacchino Dolci dal campo di atterraggio provvisorio approntato per l'occasione a Lodrino e sorvolò Milano, lanciandovi 150'000 volantini che incitavano la pop. a insorgere contro il fascismo e ricordavano le Cinque Giornate di Milano del 1848. Rientrato in Ticino, ripartì per la Francia, ma il velivolo precipitò urtando il massiccio del Gottardo. Il Consiglio fed. decise di perseguire B. per violazione del decreto fed. sulla circolazione aerea. Il processo, che come il volo ebbe risonanza intern., si svolse a Lugano (17-19.11.1930), davanti alla Corte penale fed.: B. fu condannato a quattro mesi di carcere, gli altri imputati vennero assolti. Il 28.11.1930 il Consiglio fed. decise di espellere B., Alberto Tarchiani e Carlo Rosselli; una mozione presentata al Consiglio nazionale dal socialista Robert Grimm con cui si chiedeva il ritiro dell'espulsione venne respinta. Lasciata la Svizzera, B. tentò invano di organizzare altri voli sull'Italia; rientrato in patria nel 1939, venne condannato al confino.


Bibliografia
DBI, 7, 102 sg.
– M. Cerutti, Fra Roma e Berna, 1986

Autrice/Autore: Mauro Cerutti