No 1

Gori, Pietro

nascita 14.8.1865 Messina, morte 8.1.1911 Portoferraio (Isola d'Elba), cittadino it. originario dell'Isola d'Elba. Figlio di Francesco, ufficiale dell'esercito it., e di Giulia Lusoni. Stabilitosi con la fam. a Livorno (1878), nel 1889 si laure˛ in legge all'Univ. di Pisa. Divenuto presto una delle figure pi¨ in vista del movimento anarchico toscano e poi intern., nel 1891 partecip˛ al congresso di Capolago che sancý la nascita del partito socialista anarchico rivoluzionario. Nel 1894 si trasferý a Lugano per sfuggire alle leggi eccezionali emanate dal governo it. Nel Ticino riprese l'attivitÓ politica, divenendo presto il polo d'attrazione degli esuli anarchici. Arrestato a Lugano nel gennaio del 1895, venne accompagnato alla frontiera con la Germania; in questa occasione scrisse la celebre Addio a Lugano (pi¨ conosciuta come Addio, Lugano bella), la pi¨ nota canzone anarchica. La sua attivitÓ politica continu˛ a Londra, negli Stati Uniti e in Argentina.


Opere
Addio Lugano bella. Scritti scelti, 1996
Bibliografia
– M. Antonioli, P. Gori, il cavaliere errante dell'anarchia, 1995
– M. Binaghi, Addio, Lugano bella, 2002

Autrice/Autore: Maurizio Binaghi