Storia orale

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Metodo storiografico che ricorre all'interrogazione sistematica di testimoni viventi, la storia orale fu sviluppata in area anglosassone dagli anni 1930-40, nel solco della tradizione orale, ossia della forma in assoluto più antica di trasmissione storica. Tale procedimento permette di fissare il sapere di esperti, i resoconti di esperienze e gli avvenimenti, che altrimenti non lasciano traccia scritta. Nel XIX sec. la storia orale fu oggetto di forti critiche, spec. da parte di Univ. e di eruditi ted., che si affidavano esclusivamente ai documenti scritti. In Svizzera, a livello acc., fu per lo più trascurata, salvo che in discipline marginali quali lo studio del Folclore.

In quasi tutta Europa, dagli anni 1970-80 la storia orale è regolarmente utilizzata in contrapposizione alla Storia sociale, ritenuta fredda a causa della sua astrazione. Nuovi approci quali la "storia dal basso" e la Storia della vita quotidiana ricorrono sempre più spesso a questo metodo.

In Svizzera, la raccolta di testimonianze orali era già da tempo uno dei metodi abituali della storiografia regionale, dagli anni 1980-90 condotta con crescente accuratezza scientifica. La storia orale venne inoltre applicata nel contesto della ricerca biografica, nelle indagini incentrate sulle origini e sulla ricostruzione della memoria collettiva, nella Storia delle donne e nella Storia culturale. Il più grande progetto di storia orale finora realizzato in Svizzera, finanziato con fondi pubblici, è stato condotto dalla Soc. Archimob, che tra il 1999 e il 2001 ha registrato su video 555 interviste a testimoni che hanno ricordato le loro esperienze durante la seconda guerra mondiale.


Bibliografia
– G. Spuhler et al. (a cura di), Vielstimmiges Gedächtnis: Beiträge zur Oral History, 1994
L'histoire c'est moi: 555 versioni della storia svizzera 1939-1945, [DVD] 2005
– S. Jäggi, Arbeit im Gespräch: Oral History zum Wandel der Arbeit seit 1970, 2007
– C. Dejung, «Oral History und kollektives Gedächtnis», in Geschichte und Gesellschaft, 34, 2008, 96-115

Autrice/Autore: Ueli Haefeli-Waser / sat