• <b>Grimentz</b><br>Il villaggio prima dello sviluppo turistico degli anni 1960-1980. Fotografia di  Hyppolite Chappuis,  1920 ca. (Médiathèque Valais, Martigny).

Grimentz

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Ex comune VS, distretto Sierre, dal 2009 forma con Ayer, Chandolin, Saint-Jean, Saint-Luc e Vissoie il comune di Anniviers; (prima del 1052: Grimiens; antico nome ted.: Grimensi). Situato nella valle d'Anniviers, sulla riva sinistra della Gougra. Pop: 230 ab. nel 1850, 249 nel 1900, 191 nel 1950, 271 nel 1980, 404 nel 2000. A sud ovest del villaggio sono stati rinvenuti un notevole complesso di disegni rupestri e pietre cuppelliformi. Come tutta la valle d'Anniviers, dall'XI sec. G. dipese in successione da Aimo, vescovo di Sion, dai conti de Granges, dalla fam. d'Anniviers (1200-1360) e dai signori von Raron (1381-fine XV sec.). Nel 1243 G. fu il primo villaggio della valle a costituirsi in com.; nel XIV sec. formava assieme a Saint-Jean un quartiere della valle d'Anniviers. La casa patriziale, del 1550, appartenne al com. fino al 1904. La valle d'Anniviers fu riorganizzata dopo l'invasione franc. del 1798: i quartieri divennero terzieri e quello di G. fu diviso in due semi-terzieri: Saint-Jean e G. Quest'ultimo comprendeva G. e Vissoie, le cui relazioni conflittuali durante l'intero XIX sec. diedero origine a due importanti processi: il primo (1814-24) confermò lo statu quo, mentre il secondo (1897-1914) si concluse con l'istituzione del com. autonomo di Vissoie. Sul piano religioso, G. dipese dalla parrocchia di Anniviers (chiesa parrocchiale a Vissoie) fino al 1798, poi divenne rettorato (1825) e parrocchia autonoma (1933). La chiesa, del 1830, fu ricostruita nel 1951, mentre la cappella di S. Teodulo sorse nel XVII sec. L'oratorio (1762) e una cappella del XVIII sec. sono dedicati a Nostra Signora della Compassione; una Via Crucis conduce alla cappella di Les Meyes (Nostra Signora delle Rose, 1971). Fondata sull'agricoltura di montagna (razza Hérens sugli alpeggi di Avoin, Moiry e Torrent) fino all'inizio del XX sec., dal decennio 1960-70 l'economia di G. si è orientata verso l'industria (costruzione dello sbarramento di Moiry, 1957) e il turismo. Il villaggio è noto soprattutto per aver saputo conservare la tipica architettura della valle. Nel 2000 i due terzi della pop. attiva erano occupati nel terziario.

<b>Grimentz</b><br>Il villaggio prima dello sviluppo turistico degli anni 1960-1980. Fotografia di  Hyppolite Chappuis,  1920 ca. (Médiathèque Valais, Martigny).<BR/>
Il villaggio prima dello sviluppo turistico degli anni 1960-1980. Fotografia di Hyppolite Chappuis, 1920 ca. (Médiathèque Valais, Martigny).
(...)


Bibliografia
– B. Crettaz, Histoire et sociologie d'une vallée de haute montagne durant le 19e siècle, 1979
– B. Crettaz, Un village suisse, 1982

Autrice/Autore: Bernard Monnet / bel