07/02/2013 | segnalazione | PDF | stampare

Unterbäch

Com VS, distr. Raron occidentale; (ca. 1280: Underbechque). Insediamento compatto situato su un terrazzo sovrastante la riva sinistra del Rodano, fino al 1846 ca. comprese anche la frazione di Turtig (oggi com. Raron). Pop: 238 ab. nel 1798, 228 nel 1850, 385 nel 1900, 415 nel 1950, 426 nel 2000. Nel XII e XIII sec. detenevano beni a U. i baroni von Raron, i von Visp, gli Asperlin e i de Bex. In qualità di ministeriali dei baroni e feudatari del vescovo di Sion, i von U. (in seguito la fam. Buchin o Bitschin) possedettero una torre abitativa del XII/XIII sec. nella zona centrale del villaggio. Il com. si rafforzò nel 1434 in seguito all'acquisizione dei diritti giurisdizionali su Holz dai von Raron. Gli statuti datano dal 1490 al 1538. U. fece parte del visdominato risp. dal 1538 della grande parrocchia di Raron. La filiale di U.-Bürchen (1554) con la chiesa della SS. Trinità (1558) divenne autonoma nel 1859; Bürchen si separò da U. nel 1879. Dopo l'apertura della strada per Visp (1936) molti ab. di U. lavorarono come contadini-operai per la Lonza a Visp; dal 1950 la funicolare per Raron accelerò la trasformazione di U. da com. agrario a com. turistico. Nel 1957 U., il "Grütli della donna sviz.", permise per la prima volta alle donne di partecipare a una votazione fed. (i loro voti furono però considerati nulli).


Bibliografia
– G. Zenhäusern, Unterbäch, 2002
– A. Gattlen, G. Zenhäusern, 450 Jahre Pfarrei Unterbäch-Bürchen, 2004

Autrice/Autore: Alois Grichting / sat