25/03/2014 | segnalazione | PDF | stampare | 

Steg

Ex com. VS, distr. Raron occidentale, dal 2009 parte con Hohtenn del com. di S.-Hohtenn; (1300: stegue risp. benke). ╚ situato nella valle del Rodano sulla sponda orientale della Lonza, all'imbocco del L÷tschental. Pop: 122 ab. nel 1798, 153 nel 1850, 388 nel 1900, 688 nel 1950, 1336 nel 2000. L'area fu colonizzata dagli Alemanni nel VII/VIII sec. Nel XIII sec. S. dipendeva dai baroni de la Tour, i cui diritti vennero acquistati dagli Asperlin di Baltschieder (1307), poi passarono per via matrimoniale ai von Raron, che nel 1434 li vendettero alla comunitÓ di S. Fu cosý costituita la giurisdizione indipendente (Freigericht) di Benken (dal 1727 com. e giurisdizione indipendente di S.), oggetto di dissidi con le cinque decanie superiori e il castellano di Niedergesteln fino al 1553, quando il vescovo di Sion e la Dieta vallesana riconobbero la legittimitÓ dell'autonomia della giurisdizione indipendente. Gli statuti di S. e Niedergesteln risalgono al 1564, la suddivisione dei beni comuni tra S., Hohtenn e Niedergesteln al 1588. Sul piano ecclesiastico S. dipese dal priorato di Niedergesteln, prima di essere eretto con Hohtenn a parrocchia autonoma (1913). La cappella di S. Sebastiano (1661) fu sostituita dalla chiesa parrocchiale in stile neoromanico dedicata alla Sacra Famiglia (1913-14). In seguito alla correzione del Rodano (1863-84) il fondovalle venne bonificato e destinato all'agricoltura, ci˛ che evit˛ l'esodo degli ab. in forte crescita dal com. Nella prima metÓ del XX sec. S., in origine rurale, divenne un villaggio operaio. Il cantiere della galleria del L÷tschberg e le officine Lonza a Gampel risp. Visp offrirono posti di lavoro e, con l'insediamento di Alusuisse a Stegerfeld (1962), S. divenne un centro industriale con oltre 600 lavoratori impiegati nelle fabbriche. Nel 1970 il settore secondario offriva il 73% dei posti di lavoro nel com., nel 2005 ancora il 53% a fronte del 44% del terziario.


Bibliografia
– L. Garbely, źFreigericht Benken, Gemeinde und Pfarrei Steg (1434-1934)╗, in BWG, 8/1, 1935, 1-47
– J. Indermitte, Chronik der Gemeinde Steg, 1980

Autrice/Autore: Bernard Truffer / mass