No 1

Gilardi, Alessandro

nascita 27.3.1808 Montagnola (oggi com. Collina d'Oro), morte 1871 Milano, catt., di Montagnola. Figlio di Giosuč, architetto. Nipote di Giovanni Battista ( -> 3). ∞ Catterina Braun, figlia di Karl Osipovich, scenografo, pittore e incisore russo. Giunto a Mosca nel 1822, nel 1827 divenne assistente di suo cugino Domenico ( -> 2) presso l'Ente della Casa di educazione (realizzazione e gestione di edifici assistenziali), del quale divenne architetto capo nel 1846. Collaborņ con Domenico a Kuz'minki (tenuta Golizyn, dal 1830) e a Otrada (mausoleo Orlov, 1832-35). A Mosca progettņ un ospedale (1836), la chiesa dei SS. Pietro e Paolo (1838), il rifacimento della chiesa della Nativitą della Vergine (1846) e nei dintorni della cittą una tenuta sul fiume Oka (1836). Progettņ le chiese dei villaggi di Ezova (1846), Staroobanovsk (1846) e Puškin. Fu membro della commissione per la costruzione della chiesa di Cristo Salvatore (1838-45) a Mosca. Cavaliere degli ordini di S. Stanislao (1839), S. Anna (1846) e S. Vladimiro (1847). Fu una figura minore del tardoclassicismo russo, aperta alle influenze dell'eclettismo.


Archivi
– APriv Gilardi, Montagnola e Lugano
Bibliografia
Archivi e Architetture, cat. mostra Mendrisio-Losanna, 1998, 178 sg.
Architetti neoclassici italiani e ticinesi fra Neva e Moscova, cat. mostra Venezia, 2001, 19-53, 87-90

Autrice/Autore: Lara Calderari