Albinen

Com. VS, distr. Leuk; (1224: Albignun; menz. anche come Albinnon; antico franc.: Arbignon). Comprende, oltre al villaggio di A., gli alpeggi di Chermignon e Torrent e gli antichi insediamenti temporanei di Ober Dorbu e Tschingere, divenuti centri di vacanza. Pop: 370 ab. nel 1850, 380 nel 1900, 323 nel 1950, 261 nel 2000. Toponimi romani di campi e frazioni attestano la presenza di insediamenti giÓ in epoca prealemanna. Menz. nel 1291 come communitas, nel XIV sec. A. si svincol˛ gradualmente dal visdomino vescovile di Leuk, eleggendo autonomamente due podestÓ (procuratores); i primi ordini com. risalgono al 1552. Prima della fondazione della parrocchia (1737), gli ab. di A. facevano capo alla chiesa di Leuk. Fino ai primi decenni del XX sec. A. Ŕ rimasto un villaggio agricolo: vi si praticavano la campicoltura, l'allevamento e la viticoltura. L'apertura della strada per Leuk (1956) ha notevolmente ridotto l'importanza del settore primario, mentre Ŕ aumentato il pendolarismo verso Leuk, Chippis (fabbrica d'alluminio) e Sierre; nel 2000 nel villaggio si contavano solo due aziende attive nell'agricoltura a titolo principale. Approfittando della vicinanza di Leukerbad, raggiungibile per strada dalla fine degli anni '70 (autobus dal 1982), ad A. vennero costruite case secondarie; lo sviluppo del turismo (comprensorio sciistico di Torrent, Leitern von A.) ha inoltre contribuito a frenare l'emigrazione.


Bibliografia
– R. Metry, Rechtsgeschichtliche Entwicklung der Gemeinde Albinen bis zum Erlass der Bauernstatuten vom Jahre 1552, tesi dottorato Berna, 1954 (presso MV)

Autrice/Autore: Alma Treyer / vfe