Steinhaus

Ex comune VS, distretto Goms, dal 2004 parte del comune di Ernen con Mühlebach e Ausserbinn; (1436: zem Steinhus). Villaggio rurale situato lungo la vecchia strada di valle sulla sponda sinistra del Rodano tra i torrenti Rufibach e Löüwibach, comprendeva anche gli insediamenti ormai abbandonati di Hofstette, Rufine, Rufibord e Richelsmatt. Pop: 79 ab. nel 1829, 97 nel 1850, 86 nel 1900, 87 nel 1950, 33 nel 2000. Il nome S. deriva da una fortezza che probabilmente sorgeva nel villaggio (uff em Turre). Dal ME alla fine dell'ancien régime il com. fece parte del quartiere di Ernen nella bassa valle di Goms (grande parrocchia di Ernen). Nel 1417 si dotò di statuti propri e nel 1530 emanò assieme a Richelsmatt uno statuto com. (Bauernzunft) congiunto, ampliato a più riprese, con disposizioni che regolavano il diritto di cittadinanza e l'uso dei beni comuni. Anche sul piano ecclesiastico S. faceva capo a Ernen. Nella seconda metà del XVIII sec. esistette per breve tempo un rettorato parrocchiale. L'altare della cappella del villaggio, risalente al 1728/29 e dedicata alla Sacra Famiglia, fu presumibilmente realizzato da Johann Joseph Bodmer, scultore di Mühlebach. All'inizio del XXI sec. la pop. attiva residente a S. era costituita da un contadino a tempo pieno e da ca. dieci pendolari in uscita impiegati nei settori secondario o terziario.


Bibliografia
MAS VS, 2, 1979, 110-119

Autrice/Autore: Bernard Truffer / lta