27/01/2016 | segnalazione | PDF | stampare | 

Bourbaki, esercito di

Nell’edizione a stampa questo articolo è corredato da immagini. È possibile ordinare il DSS presso il nostro editore.

A seguito delle disfatte franc. del settembre 1870 (guerra Franco-prussiana), la città franc. di Belfort venne posta sotto assedio dai Tedeschi a partire dal 2 novembre. L'armata orientale, comandata dal generale Charles Denis Soter Bourbaki, tentò di rompere l'accerchiamento della piazzaforte; a metà gennaio 1871 affrontò sulla Lisaine il corpo d'armata ted. Werder. Venuto a conoscenza che l'armata Manteuffel si stava muovendo in direzione di Besançon, Bourbaki decise di ripiegare su Lione, ma le sue truppe, disorganizzate e demoralizzate, vennero respinte verso la frontiera sviz. Preso atto del pericolo, il Consiglio fed. decise una mobilitazione parziale; il generale Hans Herzog adattò in tutta fretta il suo dispositivo difensivo, rafforzando la copertura del Giura neocastellano e del Giura vodese. Dal 31.1.1871 tre battaglioni con alcuni pezzi d'artiglieria si disposero a Les Verrières e nel Val-de-Travers; le autorità neocastellane, vodesi e ginevrine mobilitarono dei contingenti in attesa dell'arrivo di altre unità fed.

Bourbaki, che aveva tentato il suicidio, venne sostituito il 26 gennaio dal generale Justin Clinchant; il 28 chiese l'internamento alle autorità fed. L'1.2.1871, attorno alle tre antimeridiane, Herzog firmò a La Verrières la convenzione per cui armi, munizioni e materiali dovevano essere deposti alle frontiere. Dalle cinque del mattino le truppe franc. entrarono in territorio sviz.: dall'1 al 3.2.1871, 87'000 uomini e 12'000 cavalli (detti talvolta Bourbakis) transitarono da Les Verrières, Sainte-Croix, Vallorbe e dalla valle di Joux; ovunque la pop. offrì loro assistenza. Il Consiglio fed. ripartì gli internati fra tutti i cant., salvo il Ticino; questo primo campo di Internamento massiccio effettuato in Svizzera non avvenne senza difficoltà (il 9 marzo, la rivolta della Tonhalle a Zurigo oppose Svizzeri e ufficiali franc. a Tedeschi che festeggiavano la vittoria). Il rimpatrio dei Francesi venne effettuato dal 13 al 22 marzo; la Francia rimborsò in seguito le spese pubbliche, cioè più di 12,1 milioni di frs. Il quadro panoramico realizzato dal ginevrino Edouard Castres (1881, dal 1889 a Lucerna) ricorda l'avvenimento.


Bibliografia
– A. Meyer, H. Horat, Bourbaki, 1981
– H. D. Finck, M. T. Ganz, Bourbaki-Panorama, 2000

Autrice/Autore: Hervé de Weck / pre