10/07/2009 | segnalazione | PDF | stampare

Pomy

Com. VD, distr. Jura-Nord vaudois; (1184: Pomiers). Situato a pochi chilometri a sud-est di Yverdon-les-Bains, sulla strada verso Moudon, comprende il villaggio di P. e la frazione di Chevressy. La frazione di La Grand-Fin fu integrata nel com. di Cuarny nel 1964. Pop: 233 ab. nel 1803, 391 nel 1850, 497 nel 1900, 443 nel 1950, 400 nel 1980, 583 nel 2000. Sono stati rinvenuti resti di numerosi insediamenti galloromani. Nel ME P. fece parte della signoria di Belmont, ma i diritti principali furono detenuti dall'abbazia di Montheron. Durante la Riforma la cittÓ di Losanna eredit˛ parte di questi diritti, mentre l'altra pass˛ alla fam. Manuel, che li complet˛ con acquisti e scambi successivi. Sotto il dominio bernese (1536-1798) P. fu incorporato nel baliaggio di Yverdon e in seguito nel distr. omonimo (1798-2006). Sul piano ecclesiastico il villaggio faceva capo a Yverdon, prima di diventare una parrocchia autonoma (1684). La cappella di S. Giorgio, cit. nel 1453, fu trasformata in chiesa parrocchiale nel 1727; la casa parrocchiale fu realizzata da Daniel-Henri Vaucher nel 1745. Una cooperativa lattiera venne fondata nel 1884. Com. a carattere rurale (24 aziende nel 2000), P. ebbe uno sviluppo residenziale grazie alla prossimitÓ di Yverdon-les-Bains. Nel 2005 il settore primario offriva il 42% dei posti di lavoro nel com. Nel 2000 quasi i tre quarti della pop. attiva erano pendolari in uscita. A P. ha sede il centro Oriph per l'integrazione professionale di persone disabili.


Bibliografia
– M. Fontannaz, Les cures vaudoises, 1986, 163-165, 422
– AA. VV., Le vallon de Pomy et Cuarny (VD), 2001

Autrice/Autore: Philippe Heubi / cmu