Camera di maneggio

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Autorità com. della Repubblica elvetica (in ted. Gemeindekammer, in franc. chambre de régie). Eletta dall'assemblea generale degli aventi diritto ai beni com. e rieletta annualmente nella misura di un terzo, era composta da un massimo di 15 membri; diretta da un pres., in base alla legge del 15.2.1799 amministrava i beni patriziali. Quattro dei suoi membri avevano funzioni particolari (tesoriere, sovrintendente ai poveri, ispettore delle costruzioni, ispettore forestale). Le Camere di maneggio più grandi erano strutturate in commissioni: dei conti pubblici, delle costruzioni, dell'assistenza e delle foreste. Il 16.4.1801 la convocazione dell'assemblea generale (assemblea patriziale) per eleggere gli amministratori com. fu rinviata fino al varo di una nuova legge sui com., cioè, in pratica, fino al tramonto dell'Elvetica.


Fonti
ASHR, 3, 1170-1178; 6, 830-832
Bibliografia
– E. His, Geschichte des neuern Schweizerischen Staatsrechts, 1, 1920, 138-145

Autrice/Autore: Andreas Fankhauser / vfe