Maestro della corporazione

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Il maestro della corporazione era il capo di una delle Corporazioni cittadine medievali (nella Svizzera ted. era chiamato Zunftmeister, in quella franc. prevôt, échevin, maître o roy). Veniva generalmente eletto ogni anno ed era spesso assistito da sei assessori. Il maestro della corporazione e questi ultimi, il Consiglio dei Sei (Sechser), formavano la massima autorità della corporazione, che decideva in merito alle infrazioni alle norme corporative e alle controversie interne. Nelle Città a regime corporativo, nelle quali nel XIV-XV sec. le corporazioni assunsero un ruolo politico di primo piano, i maestri delle corporazioni rappresentavano la maggioranza dei membri dei Consigli, insieme agli esponenti della nobiltà e del patriziato. La loro elezione era effettuata da tutta la corporazione o dal Consiglio dei Sei, che si completava per cooptazione. A Zurigo e Basilea esisteva un maestro a capo delle corporazioni (Oberstzunftmeister), che insieme al borgomastro costituiva i cosiddetti Magistrati supremi.


Autrice/Autore: Katharina Simon-Muscheid / did