Basso, Giovanni

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

nascita maggio 1552 (Giovanni Angelo) Airolo, morte 13.10.1629 Biasca (di peste), catt., di Airolo. Figlio di Giovanni, soldato. Grazie all'interessamento di Carlo Borromeo frequentò il seminario minore di Arona e il seminario a Milano. Fu ordinato sacerdote nel 1576. Nel 1582 aderì alla congregazione degli oblati di S. Ambrogio. Parroco di Airolo dal 1577, coadiutore del prevosto di Biasca dal 1582 e poi prevosto di Biasca (1586-1629), fu provisitatore delle Tre Valli ambrosiane dal 1584 al 1629. Convinto assertore della politica borromaica, mise in pratica nelle Tre Valli i principi e le direttive del Concilio di Trento. Intrattenne una fitta corrispondenza con le autorità ecclesiastiche milanesi.


Bibliografia
HS, I/6, 424 sg.
– S. Bianconi, «Conflitti tra potere politico e potere ecclesiastico: i problemi del vicario G. Basso», in AST, 115, 1994, 29-39

Autrice/Autore: Daniela Pauli Falconi