Asfalto

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Roccia impregnata di bitume utilizzata in Europa dagli inizi del XVII sec. per impermeabilizzare, isolare, calafatare, proteggere il legno dai parassiti e dalla putrefazione ecc. Dalla sua distillazione si ricavava un olio usato come lubrificante per congegni meccanici e soprattutto come medicamento (ad uso sia interno sia esterno) per uomini e animali. Impiegato già prima del 1850 nei centri urbani più importanti per la pavimentazione di ampie superfici (marciapiedi, ponti e vie) l'asfalto fu in seguito adottato anche per le strade.

Lo sfruttamento dell'unico importante giacimento sviz., situato nel Val-de-Travers, venne promosso dal prospettore greco Eirini d'Eirinis, originario della Bessarabia. L'estrazione in superficie cominciò verso il 1714 e si protrasse per oltre 250 anni, dapprima sulla riva sinistra del fiume Areuse, in località Bois de Croix (Travers), poi, dal 1830, su quella destra, in località La Presta (Couvet); dal 1873 si proseguì nel sottosuolo, fino a raggiungere un'estensione di 402 ettari. Inizialmente controllata da notabili neocastellani, nel 1849 l'attività fu rilevata da imprenditori franc., ai quali succedettero investitori inglesi; l'azienda, che esportava il suo prodotto in tutta Europa e negli Stati Uniti, cessò l'attività nel 1986. Alcuni settori della miniera possono essere visitati e costituiscono un'attrazione turistica.

Altre cave di calcare o di arenaria impregnata di asfalto, molto più modeste, furono attive a Saint-Aubin (oggi com. Saint-Aubin-Sauges, 1857-67), Les Epoisats (com. Vallorbe, 1789-1800, 1838-40), nei dintorni di Chavornay (tra il 1820 e il 1830) e di Orbe (verso il 1787-91), nonché, dal 1825 al 1840, a Dardagny, Peissy e Choully (com. Satigny). Nel Ticino si produceva un olio distillato da scisti bituminosi, estratti a Meride (1908-48) e ad Arogno (1821, 1890, 1914-18, 1942-44).


Bibliografia
– J.-P. Jelmini, B. Kübler, L'asphalte naturel du Val-de-Travers, [1973]
– M. Weidmann, «Histoire de la prospection et de l'exploitation des hidrocarbures en Pays vaudois», in Bulletin de la Société vaudoise des sciences naturelles, 80, 1991, 365-402 (con bibl.)
– A. Spycher, Die Asphaltgrube im Val-de-Travers, 1994 (con bibl.)

Autrice/Autore: Marc Weidmann / gbe