• <b>Corsier-sur-Vevey</b><br>La chiesa e la casa parrocchiale nel 1826; acquatinta di  Samuel Weibel (Collezione privata, tutti i diritti riservati).

Corsier-sur-Vevey

Com. VD, distr. Vevey dal 1798, sulla riva destra della Veveyse. Comprende la frazione di Les Monts-de-Corsier; (1079: Corise, Corsier fino al 1953). Pop: 689 ab. nel 1764, 896 nel 1798, 1096 nel 1850, 2676 nel 1888, 1195 nel 1900, 1535 nel 1950, 3200 nel 2000. Sono state rinvenute tracce archeologiche di una successione di edifici religiosi o funerari dal basso Impero fino all'epoca carolingia. Territorio di proprietà del vescovado di Losanna fin dal 1079, il vescovo vi mantenne le sue prerogative regie fino alla Riforma. Tra il 1090 e il 1092 C. divenne un feudo della fam. de Blonay, che ne infeudò una parte ai signori di Oron nel 1284. Sottomesso al placito generale di Losanna, C. fu incluso dai Bernesi nel baliaggio di Losanna fin dal 1536 e divenne la sede della corte di giustizia; la comunità era amministrata da un Consiglio di sei membri. Già parrocchia prima del 1228; la chiesa di S. Maurizio (menz. dal 1413) dipendeva dal capitolo di S. Martino a Vevey. Papa Giulio II la cedette al capitolo di S. Nicola di Friburgo, donazione contestata dal clero di S. Martino che vinse la causa di fronte alla corte di Roma nel 1527. La spartizione della grande parrocchia di C. (che comprendeva anche altri com.) avvenne nel 1816. C. rimase ancora nel corso del XX sec. una comunità viticola nella sua parte inferiore e agricola nella zona di Les Monts-de-Corsier. Nel 1892 perse i quartieri dell'Arabie, di Plan-Dessous, di Plan-Dessus, de Sous-Crêt, di Crosets e di Faubourg-Saint-Antoine a vantaggio di Vevey. Questa struttura urbana venne modificata con la creazione di una zona industriale, situata in località Fenil, che garantisce dagli anni 1990-2000 più di 700 posti di lavoro nel campo dell'edilizia, della meccanica e della lavorazione del tabacco. Come altri com. della regione, C. si è sviluppato ai margini della città di Vevey e negli anni 1960-70 è diventato un com. residenziale.

<b>Corsier-sur-Vevey</b><br>La chiesa e la casa parrocchiale nel 1826; acquatinta di  Samuel Weibel (Collezione privata, tutti i diritti riservati).<BR/>
La chiesa e la casa parrocchiale nel 1826; acquatinta di Samuel Weibel (Collezione privata, tutti i diritti riservati).
(...)


Bibliografia
– R. Monod, L'église paroissiale de Corsier, 1952
– I. Ackermann-Gachet, Corsier-sur-Vevey, 1988
– «Chronique archéologique», in RHV, 1988, 175

Autrice/Autore: Elisabeth Salvi / far