29/11/2010 | segnalazione | PDF | stampare | 

Rougemont (comune)

Nell’edizione a stampa questo articolo è corredato da un’immagine. È possibile ordinare il DSS presso il nostro editore.

Com. VD, distr. Riviera-Pays-d'Enhaut; (1115: Rubeus Mons, Rogemot; antico nome ted.: Retschmund). Oltre a R. e Flendruz comprende numerose frazioni, tra cui Le Vanel e Ciernes-Picat. Pop: 80 fuochi nel 1416, 1287 ab. nel 1764, 1190 nel 1850, 1256 nel 1880, 1189 nel 1900, 1150 nel 1930, 922 nel 1950, 901 nel 2000. Insediamento sparso, esteso sul fondo e sui due versanti della valle della Sarina e delle vallate laterali (Manche, Ciernes-Picat e Fenils), dal 1080 ca. si sviluppò attorno al convento di R., la cui chiesa di S. Nicola divenne parrocchiale prima del 1228. R. era sottoposto ai conti de Gruyère, rappresentati da un castellano dal XV sec., e al priore di R., affiancato da un ministeriale (métral). R. appartenne alla "bandiera" di Le Vanel, castello costruito nel XII sec. e caduto in rovina dopo il 1407. Il conte affrancò gli ab. dalla manomorta nel 1398, il priore nel 1456. Dopo il fallimento del conte Michel nel 1555, R. fece parte del baliaggio bernese di Saanen; nel 1575 il balivo si insediò nel priorato, trasformato in castello. Pierre Viret predicò la nuova fede a R. Nel 1798 il com. rimase fedele a Berna. Dal 1798 al 2006 fu incorporato nel distr. del Pays-d'Enhaut. Per lungo tempo l'economia si basava sull'agricoltura e sull'allevamento con produzione di formaggio a pasta dura, spingendo una parte della pop. all'emigrazione (dal XV sec.). Alla fine del XX sec. sui ca. 3000 ettari di pascolo estivavano 3000 bovini, ma solo 1000 svernavano in una cinquantina di aziende. Dopo l'apertura della linea ferroviaria Montreux-Oberland bernese (1905), R. si aprì al turismo; in un primo tempo come stazione estiva, in seguito anche invernale, con la costruzione della teleferica R.-Videmanette (1959). Da allora sono sorti oltre 350 chalet, in maggioranza residenze secondarie. All'inizio del XXI sec. il nucleo del villaggio manteneva tuttavia il suo aspetto tipico con le case in legno risalenti al XVII e XVIII sec., protetto dal traffico dalla strada cant. di circonvallazione realizzata nel 1988.


Bibliografia
Rougemont: 9ecentenaire, [1980]

Autrice/Autore: Pierre-Yves Favez / cmu