01/02/2006 | segnalazione | PDF | stampare | 

Granges-près-Marnand

Nell’edizione a stampa questo articolo è corredato da un’immagine. È possibile ordinare il DSS presso il nostro editore.

Com. VD, distr. Payerne dal 1798, situato sulla riva sinistra della Broye; (881: in fine Graniacense; 1228: Granges; 1952: Granges-près-Marnand). La frazione di Brit, anticamente una signoria, fu annessa al com. nel 1806. Pop: 372 ab. nel 1764, 394 nel 1798, 830 nel 1850, 942 nel 1900, 856 nel 1950, 1146 nel 2000. Sono stati rinvenuti reperti dell'età del Bronzo; molti tumuli furono saccheggiati e distrutti. Numerose sono le vestigia di epoca romana, tra cui villae. In località Arenaz sono state scoperte una ventina di tombe dell'alto ME. Nel XIII sec. G. apparteneva al capitolo di Losanna e al priorato di Payerne; durante il dominio bernese fece parte del baliaggio di Moudon e della castellania di Villarzel. Il villaggio era amministrato da un'assemblea com. Nel 1637 fu nominato il primo maestro di scuola. La chiesa del VII sec., costruita in un edificio utilitario di una villa, fu sostituita da una seconda chiesa (già parrocchiale) nel IX-X sec., da una terza nel XII sec. e da una quarta nel XIII-XIV sec. (coro del XIV sec., campanile del 1808); nel 1970-72 furono effettuati lavori di restauro. Dal 1862 al 1965 G. formò, con Marnand, una parrocchia della Chiesa libera vodese. Nel XX sec. nel com. viveva un'importante comunità catt. G. fu colpito da varie inondazioni, dovute alle piene della Broye, in particolare nel 1774, 1888 e 1895. Dal 1723 fu impiantata la coltivazione del tabacco. Nel 1796 ebbe luogo una rivolta contro una minoranza di cittadini che si erano impossessati dei beni comuni. Dall'inizio del XX sec. si sono installate a G. diverse piccole industrie (mulini, imprese di costruzione, tipografia, garage, allevamento di animali) e sono sorti nuovi quartieri abitativi.


Bibliografia
– C. Jaccottet, Granges-près-Marnand: église, 1975
– W. Stöckli, «Recherces archéologiques dans l'église de Granges-près-Marnand», in HA, 16, 1973, 92-105

Autrice/Autore: Valérie Favez / cpi