No 2

Rusca, Carlo Francesco

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

nascita 1.1.1693 Torricella-Taverne, morte 11.5.1769 Milano, catt., di Torricella-Taverne. Figlio di Giorgio Giovanni, indoratore. ∞ (1742) Felice Lepori, figlia di Pier Carlo. A Torino avviò studi di diritto, che presto abbandonò per dedicarsi alla pittura. Perfezionò la sua tecnica a Venezia e a Lugano, forse nella bottega di Giuseppe Antonio Petrini. Detto cavalier R., fu tra i più celebri ritrattisti dell'epoca. Dal 1730 ca. fu attivo a Berna, Ginevra (1734-35) e presso le corti della Germania settentrionale (Kassel, Hannover, Potsdam, Berlino, Braunschweig). Nel 1735 e nel 1738-39 operò a Londra alla corte di re Giorgio II, dove ritrasse numerose personalità. Rientrato in patria entro il 1742, si stabilì a Milano, mantenendo contatti con il Ticino. Negli anni 1750-60 fu attivo pure su commissione della corona spagnola.


Bibliografia
DBAS, 906
– F. Bianchi, «C. F. Rusca (1693-1769), pittore della Lombardia Svizzera in Europa», in Liber veritatis, 2007, 149-159

Autrice/Autore: Daniela Pauli Falconi