No 31

Orelli, Vincenzo Angelo

nascita 10.4.1751 (Francesco Saverio Angelico) Locarno, morte 21.1.1813 Bergamo, di Locarno. Figlio di Giuseppe Antonio Felice ( -> 15). Si formò come pittore con il padre a Bergamo e poi presso la Reale Scuola di Milano. Nel 1773 compì un viaggio di studio a Roma. Fu attivo nella bottega del padre, cui subentrò in qualità di pittore figurista, collaborando con il fratello Baldassarre, quadraturista. Affrescò varie chiese nel territorio bergamasco, ma eseguì pure iconografie cavalleresche e galanti per l'aristocrazia locale. Realizzò inoltre ritratti e disegni destinati alla stampa calcografica. Uomo colto, di notevole spessore artistico e poetico, frequentò gli intellettuali cittadini. Ultimo esponente della scuola orellesca, elaborò un linguaggio stratificato situabile nella fase di transizione dal rococò al neoclassicismo.


Bibliografia
– V. Gilardoni, I pittori Orelli da Locarno, 1941
– R. Mangili, Il pittore ticinese V. A. Orelli, 1973
DBAS, 799 sg.

Autrice/Autore: Simona Martinoli