10/09/2008 | segnalazione | PDF | stampare

Maracon

Com. VD, distr. Lavaux-Oron, situato sulla sponda destra della Broye; (1201/50: Montimarascon). Comprende il villaggio di M., diverse frazioni (quella di Le Very fu scorporata da Ecoteaux nel 1872) e, dal 2003, La Rogivue. Pop: 28 fuochi nel 1337, 19 nel 1558, 197 ab. nel 1764, 350 nel 1850, 326 nel 1900, 230 nel 1950, 344 nel 2000. È stata rinvenuta una necropoli risalente a un'epoca imprecisata. Dal 1287 una metà del villaggio appartenne ai signori de Pont, poi passò ai signori d'Oron (XIV-XV sec.), ai Champion di Cheseaux (inizio del XVI sec.) e a Berna (dal 1547). L'altra metà dipese dal XIII sec. dalla signoria di Palézieux, di cui condivise le sorti fino al 1557. Durante l'ancien régime M. fece parte del baliaggio di Oron (1557-1798), poi del distr. omonimo (1798-2006). Il castello, in rovina nel 1660, fu colpito da un incendio nel 1735. Durante la Riforma il villaggio venne distaccato dalla parrocchia di Attalens e fu annesso a quella di Oron-Châtillens, poi a quella di Palézieux (1838). La cappella di S. Giorgio era del XIII sec.; la chiesa rif. risale al 1823, la cappella catt. al 1947. Nel 1664 venne aperta una scuola in comune con Ecoteaux. La rete dell'acqua potabile fu realizzata nel 1911 grazie all'acquisto di sorgenti a Le Niremont (com. Châtel-Saint-Denis). Nel villaggio si praticano l'agricoltura, l'allevamento e l'economia lattiera (otto aziende nel 2000). Sono attive una cava di ghiaia e una falegnameria industriale mentre una segheria è rimasta in funzione negli anni 1866-1982.


Bibliografia
– C. Pasche, La contrée d'Oron, 1895 (rist. 1991)

Autrice/Autore: Olivier Frédéric Dubuis / gbp