No 3

Artari, Giuseppe

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

nascita 1697 Arogno, morte 19.1.1771 Bonn, catt., di Campione d'Italia e Arogno. Figlio maggiore e allievo di Giovanni Battista ( -> 2), fu come il padre stuccatore e scultore. Dopo gli studi a Roma lavorò con il padre e altri stuccatori suoi conterranei spec. in Germania, Olanda e Inghilterra (dove collaborò soprattutto con Giovanni Battista Bagutti); meno documentata resta finora l'attività in Belgio, dove nel 1719 A. eseguì per il palazzo del municipio di Liegi un monumentale camino in stucco. Dal 1731 e fin verso il 1760 fu al servizio dell'arcivescovo di Colonia e principe elettore Clemente Augusto, che lo incaricò di decorare le sue residenze di Brühl (1731-33), Bonn e Bonn-Poppelsdorf (1744). In questo periodo fu inoltre a Oxford (1742-44) e a Münster (D), dove eseguì lavori nella chiesa di S. Clemente (1750-52) e nell'Erbdrostenhof (1754-57). Aderì al nuovo gusto rococò, distanziandosi progressivamente dallo stile barocco paterno.


Bibliografia
– G. Beard, Stucco and Decorative Plasterwork in Europe, 1983, 57 sg.
AKL, 5, 314 sg.
– L. Pizzi, Luigi Artari, tesi laurea Genova, 1996-1997
– L. Pizzi, «Albertolli e Artari», in BSSI, in preparazione

Autrice/Autore: Lucia Pedrini Stanga