No 2

Artari, Giovanni Battista

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

nascita 20.10.1664 Arogno, morte ca. 1730, catt., di Campione d'Italia e Arogno. Figlio di Giuseppe. Fu attivo quale stuccatore e ornatista, ma sulla sua attività restano ancora numerose zone d'ombra; lavorò inoltre come plasticatore e scultore. Seguì probabilmente una formazione artistica a Roma, dove sarebbe stato influenzato spec. dall'opera di Alessandro Algardi. Dapprima in Germania, lavorò nel castello di Hadamar (Assia), poi in quello di Rastatt (1705), in collaborazione con l'amico e conterraneo Giovanni Battista Genone; a Rastatt eseguì pure statue in stucco per la Hofkirche (1720-21). Tra il 1707 e il 1712 diresse la decorazione a stucco del duomo di Fulda. Fu tra i primi stuccatori lombardi a operare in Inghilterra: nel 1713, con Giovanni Battista Bagutti, avrebbe realizzato gli stucchi nel palazzo di James Brydges a Cannons, vicino a Londra; verso il 1730, con il Bagutti, Ferdinando Serena e Francesco Vassalli, decorò a stucco le costruzioni dell'architetto James Gibbs. Fu inoltre attivo in Olanda. Nel biennio 1719-20 lavorò con il figlio Giuseppe ( -> 3). Le sue opere si sono ben conservate grazie alla qualità dell'impasto, che rendeva lo stucco duro e lucido come il marmo.


Bibliografia
AKL, 5, 314 sg.

Autrice/Autore: Lucia Pedrini Stanga