23/11/2004 | segnalazione | PDF | stampare | 

Essertes

Com. VD, distr. Oron dal 1798; (1154: terram de Sartis; 1271: de Essertes). Il com. comprende le frazioni di Bretonnaire e di Les Clos; villaggio strada situato nel Jorat, al confine tra Vaud e Friburgo, si sviluppa lungo il percorso Vevey-Moudon e sul suo raccordo con Oron-la-Ville. Pop: un fuoco nel 1271, 20 nel 1680, 32 nel 1755, 186 ab. nel 1764, 167 nel 1798, 197 nel 1850, 205 nel 1870, 162 nel 1900, 142 nel 1950, 116 nel 1970, 259 nel 2000. A E. si trova il più grande menhir mai repertoriato in Svizzera (5,6 m di altezza); risalente al Neolitico, servì da cippo di confine almeno dal XVI sec. e fu riposizionato nel suo luogo originario nel 1996. Alla metà del XII sec., il signore di Palézieux e diversi suoi vassalli donarono all'abbazia benedettina di Hautcrêt terre situate a E.; le donazioni vennero confermate nel 1154 dal vescovo di Losanna e nel 1162 dal conte Amedeo di Ginevra. Nel 1271 Pierre de Palézieux concesse a Hautcrêt e agli ab. di E. i diritti d'uso dei suoi boschi del Jorat e il diritto di pascolo sul suo terreno novale (terre dissodate). Il villaggio si sviluppò attorno a una grangia che apparteneva all'abbazia, attestata dal 1180. Durante il regime bernese, fra il 1557 e il 1798, E. fece parte del baliaggio di Oron. Nel 1814 i villaggi di E., Châtillens e Les Tavernes si separarono e costituirono ognuno un com. In ambito religioso, E. ha sempre fatto capo a Châtillens, tranne che dal 1897 al 1904, quando fu parrocchia suffraganea di Servion. Il com. è dotato di una scuola dal 1734; l'edificio scolastico risale al 1848. E. conserva un carattere agricolo (produzione di latte e coltivazioni). Un impianto di depurazione delle acque è stato costruito nel 1974.


Bibliografia
– «Chronique archéologique», in RHV, 1997, 219-221

Autrice/Autore: Olivier Frédéric Dubuis / gbp