• <b>Valeyres-sous-Rances</b><br>Veduta del villaggio e dei suoi dintorni; olio su tela realizzato nel 1678 da  Albrecht Kauw (Bernisches Historisches Museum). Il piccolo borgo viticolo è rappresentato da sud est in direzione delle creste del Giura e delle Aiguilles de Baulmes. Il villaggio fu noto anche come "petit Berne" poiché dal XVII secolo servì da residenza estiva e autunnale per diverse famiglie del patriziato cittadino bernese (Manuel, Steiger e Bonstetten). In primo piano è visibile una tipica scena di caccia. La cappella di San Giacomo Maggiore è raffigurata sulla sinistra del dipinto.

Valeyres-sous-Rances

Com. VD, distr. Jura-Nord vaudois; (1272: Valieres). Situato sopra Orbe, comprende il villaggio di V. e la frazione di La Robellaz. Pop: 317 ab. nel 1764, 496 nel 1850, 479 nel 1900, 424 nel 1950, 290 nel 1980, 497 nel 2000. Sono stati rinvenuti tracce di insediamenti romani e un tesoro di monete dell'XI sec. Nel ME V. dipendeva dalla castellania di Les Clées. Vi detennero beni le fam. de Gallera e Gland. Il villaggio fece parte del baliaggio di Yverdon (1550-1798), poi del distr. di Orbe (1798-2006). La cappella di S. Giacomo Maggiore (XI/XII sec., ampliata nel XV sec.), servita dal priorato di Baulmes, divenne poi filiale della parrocchia di Rances (1228). La casa fortificata dei de Gallera (XV sec.), acquisita nel 1629 dalla fam. Manuel (pitture murali del 1639), passò ai von Bonstetten per via matrimoniale (1707). Attorno al 1820 fu trasformata in stile neoclassico (dal 1945 tenuta viticola Château de Valeyres). I Gland furono proprietari del maniero di V. (1403), che fu rilevato nel 1794 dalla fam. Boissier e passò poi ai Barbey. Com. viticolo e agricolo (caseificio nel 1889, mulino nel 1913), nel 2005 il 50% dei posti di lavoro erano offerti dal settore primario. Dall'apertura delle autostrade A1 e A9 (1989) V. conobbe uno sviluppo residenziale.

<b>Valeyres-sous-Rances</b><br>Veduta del villaggio e dei suoi dintorni; olio su tela realizzato nel 1678 da  Albrecht Kauw (Bernisches Historisches Museum).<BR/>Il piccolo borgo viticolo è rappresentato da sud est in direzione delle creste del Giura e delle Aiguilles de Baulmes. Il villaggio fu noto anche come "petit Berne" poiché dal XVII secolo servì da residenza estiva e autunnale per diverse famiglie del patriziato cittadino bernese (Manuel, Steiger e Bonstetten). In primo piano è visibile una tipica scena di caccia. La cappella di San Giacomo Maggiore è raffigurata sulla sinistra del dipinto.<BR/><BR/>
Veduta del villaggio e dei suoi dintorni; olio su tela realizzato nel 1678 da Albrecht Kauw (Bernisches Historisches Museum).
(...)


Archivi
– Fondo Barbey-Valeyres presso ACV
Bibliografia
– P. Eggenberger, H. Kellenberger, L'église Saint-Jacques à Valeyres-sous-Rances, 1984
– V. Chaudet, Le château de Valeyres-sous-Rances, ancienne maison de Bonstetten, 2006

Autrice/Autore: Fabienne Abetel-Béguelin / cmu