Bofflens

Com. VD, distr. Orbe. Villaggio situato tra la pianura dell'Orbe e i piedi del Giura; (1007: in curte Bofflenis; 1011: Boflinges). Pop: 12 fuochi nel 1529, 202 ab. nel 1764, 332 nel 1850, 249 nel 1900, 193 nel 1950, 157 nel 2000. Ritrovamento di reperti appartenenti alla cultura di Hallstatt e al periodo di La Tène; necropoli risalenti all'alto ME. A partire dal X sec. B. dipese dal possedimento imperiale di Orbe e dal monastero di Romainmôtier. Nel 1007 Odilone, abate di Cluny, donò a un certo Enguizon delle terre a B. Nel 1011 il re Rodolfo III cedette sei case di B. al monastero di Romainmôtier, che divenne da allora unico propietario del villaggio. Nel 1393 una contesa per il possesso di un bosco oppose gli ab. di B. a quelli di Bretonnières. Dal 1536 al 1798 B. fece parte del baliaggio e della castellania di Romainmôtier; il villaggio era gestito dall'assemblea della comunità. Il com. passò dalla parrocchia di Romainmôtier a quella di Agiez nel 1910, a quella di Orbe-Agiez nel 2000; la chiesa risale al 1914. La riorganizzazione parcellare fu terminata nel 1962; all'inizio degli anni '90 è stato varato un piano regolatore. Il com. conserva una struttura agricola e artigianale.


Bibliografia
– G. Kaenel, Recherches sur la période de La Tène en Suisse occidentale, 1990

Autrice/Autore: Anne Rochat-Morel / pcr