No 2

Herold, Johannes Basilius

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

nascita 17.12.1514 Höchstädt an der Donau, morte giugno 1567 Basilea, catt., dal 1539 rif., dal 1556 di Basilea. Figlio illegittimo di Johannes, amministratore dei Fugger. ∞ 1) una figlia della fam. Gernler, di Basilea; 2) Veronika Blowner, figlia di Bernhard, membro del Consiglio. Dopo le scuole a Donauwörth, viaggiò soprattutto in Italia, prima di stabilirsi a Basilea (dal 1539). Benché non fosse un teologo, dal 1542 al 1543 fu pastore a Reinach (BL), candidato e assistente del pastore ad Augusta (1543-44) e pastore a Pfeffingen (1545-52). Tornato a Basilea (dal 1554), lavorò per una tipografia come correttore e traduttore. Presso gli stampatori Giovanni Oporino, Heinrich Petri e Pietro Perna pubblicò testi antichi e umanistici, da lui stesso commentati. Di notevole importanza per la storia del diritto dell'alto ME è l'edizione della raccolta di leggi barbariche Antiquitates Germanicae (1557). Gli storici del racconto popolare hanno sottolineato l'originalità della sua traduzione del Prodigiorum ac ostentorum chronicon, opera di Conradus Lycosthenes, pubblicata nel 1557 con il titolo Wunderwerck oder Gottes vnergründtliches vorbilden [...]. Fedele all'Impero e all'imperatore e in buoni rapporti con alcuni dignitari catt., a Basilea non beneficiò di molti appoggi.


Bibliografia
– A. Burckhardt, J. B. Herold, 1967
– Feller/Bonjour, Geschichtsschreibung, 1, 226
Enzyklopädie des Märchens, 6, 1990, 857 sg.

Autrice/Autore: Andrea Weibel / sma