14/12/2005 | segnalazione | PDF | stampare

Givrins

Com. VD, distr. Nyon dal 1798; (1087 ca.: Givriacus; 1145: Gevrins ; 1155-85: Givriacum). Villaggio agglomerato che domina una piccola comba ai piedi del Giura. Pop: 256 ab. nel 1764, 317 nel 1850, 299 nel 1900, 226 nel 1950, 498 nel 1980, 823 nel 2000. Sono attestate vestigia di un insediamento romano e necropoli dell'alto ME. Nel ME G., dove è attestata la presenza di una fam. nobile, faceva parte della signoria di Genolier. Nel 1685 il villaggio apparteneva ai Quisard ed era una signoria del baliaggio di Nyon, retta da un Consiglio di 12 membri. Sul piano religioso, fece dapprima parte della parrocchia di Vich, poi di quella di Duillier (dal 1834) e infine di quella di Genolier (dal 1840). Nel 1964 venne costruita una chiesa rif. Tra il 1435 e il XIX sec. G. acquisì alpeggi e foreste, il cui sfruttamento (commercio di legname) rappresentò un'importante fonte di reddito. Nel 1916 fu inaugurata la stazione ferroviaria della linea Nyon-Saint-Cergue. Lo sviluppo di quartieri residenziali ha spinto numerosi pendolari e alcuni artigiani a stabilirsi nel villaggio; è stato inoltre costruito un maneggio. A G. visse lo scrittore Urbain Olivier.


Bibliografia
– E. Caboussat, Givrins, le temps de son histoire, 1994

Autrice/Autore: Germain Hausmann / frm