Coinsins

Com. VD, distr. Nyon dal 1798. Il villaggio domina la campagna di Nyon; (1212: Quinsins, 1296: Cuynsins). Pop: 131 ab. nel 1764, 157 nel 1850, 188 nel 1900, 156 nel 1950, 125 nel 1960, 368 nel 2000. Sono state ritrovate tracce di insediamenti risalenti all'età del Bronzo, vestigia di epoca romana (villa, vetreria) e sepolture dell'alto ME. C. dipendeva dalla fam. nobile di C., menz. nel 1212, vassalla dei cosignori di Aubonne. La fattoria di Mimorey appartenne dal 1219 alla certosa di Oujon. C. fece parte del baliaggio bernese di Nyon; il com. era amministrato da un Consiglio di sei membri. La corte di giustizia fu riunita nel 1756 a quella di Genolier. L'attuale castello fu costruito da Louis de Portes (morte 1739). A causa di dissensi interni, C. fu posto sotto amministrazione cant. dal 1855 al 1878 e dal 1954 al 1970. La chiesa di S. Pietro, di cui il vescovo di Ginevra deteneva il patronato, risale al ME; durante la Riforma C. dipese dalla parrocchia di Vich. Nel 1906 la creazione della tramvia Gland-Begnins permise agli agricoltori e ai viticoltori del villaggio di esportare i loro prodotti. Una zona industriale, di recente creazione, riunisce diverse industrie (farmaceutiche, elettromeccaniche e di vernici).


Bibliografia
– J. Schneeberger, Histoire de Coisins et d'une partie de l'Ouest lémanique, 1986 (19903)

Autrice/Autore: Germain Hausmann / mfe