18/03/2015 | segnalazione | PDF | stampare

Sacro Macello

Nome con cui Ŕ noto l'eccidio di ca. 600 rif. avvenuto in Valtellina tra il 19 e il 23.7.1620; utilizzato dalla storiografia fino alla fine del XX sec., Ŕ stato sostituito da formulazioni pi¨ neutre. Le dure pene pronunciate dal tribunale censorio di Thusis del 1618 contro esponenti grigionesi e valtellinesi del partito austro-spagnolo furono all'origine di una congiura in Valtellina, che mirava al distacco del Paese soggetto dalle Tre Leghe e all'eliminazione dei rif. nella valle. Capo del complotto, le cui trame si estendevano fino a Madrid, Roma e Parigi, fu Giacomo Robustelli, originario di Grosotto, animato anche da sentimenti di vendetta personali. Alla testa di banditi reclutati, nella notte tra il 18 e il 19 luglio inizi˛ la strage di uomini, donne e bambini a Tirano e proseguý poi per Teglio, Sondrio e a valle. Una parte dei rif. riuscý a fuggire all'estero. I congiurati raggiunsero i loro obiettivi: il protestantesimo a sud delle Alpi fu praticamente annientato e il dominio grigionese sulla Valtellina temporaneamente interrotto.


Bibliografia
– Pieth, BŘndnergesch., 202-205
Grigioni, 2, 161

Autrice/Autore: Martin Bundi / ato