Caserme

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

In Francia, fino al regno di Luigi XIV, le truppe professioniste che si spostavano alloggiavano presso gli ab., con tutti gli abusi che ciò comportava. Per porre rimedio a questa situazione, molte città costruirono caserme a loro spese, precedendo l'azione dello Stato. La Svizzera, con le sue milizie cant., non conobbe mai simili problemi; tuttavia, dalla fine del XVIII sec. Coira, Frauenfeld, Ginevra, Herisau e Liestal allestirono caserme com. per controllare meglio gli uomini. In molti casi si riutilizzò un granaio, come ad Altdorf, a Bremgarten (AG), a Friburgo, a Lucerna, a Wil an der Aa (Oberdorf, NW); in altri un castello (Sion), o un vecchio arsenale (Sciaffusa). Nel 1841 la Dieta fed. acquistò l'Allmend di Thun per costruirvi caserme. Nonostante questi sforzi, le truppe soggiornavano spesso in locali insalubri e inadatti.

Con la nascita dello Stato fed. nel 1848, non si trattò più unicamente di dare alloggio agli uomini; era necessario istruirli e supplire alle infrastrutture cant. Da allora, la costruzione di una caserma fu legata alla creazione o all'ampliamento di una Piazza d'armi. Tra il 1863 e il 1865 il com. di Frauenfeld costruì una caserma con 700 letti. Nel 1835 fu edificata la prima caserma vodese, a Bière, cui seguirono, tra il 1865 e il 1870, altre costruzioni. A volte l'approvazione di un progetto incontrava molte difficoltà: a Lucerna fu necessaria una petizione degli ufficiali e la concorrenza di Sursee affinché si costruisse una nuova caserma sulla Kurzweilplatz. A Friburgo, vista l'insufficienza della caserma della Planche, si propose di sistemare il convento di Hauterive o il castello della Gruyère. Friburgo, Morat e Colombier (NE) rivaleggiarono per diventare una piazza d'armi fed.: a imporsi fu Colombier, che mise a disposizione un castello fino ad allora utilizzato dalle milizie cant. Aarau ebbe la meglio su Ginevra e divenne piazza d'armi per la cavalleria. Dopo il 1874 la Conf. rilevò dai cant. edifici e terreni per le esercitazioni e per la costruzione delle piazze d'armi necessarie; allestì inoltre caserme in opere fortificate (Airolo, Andermatt, Sankt Luzisteig, Savatan). Nel 1995 solo dieci caserme erano ancora di proprietà cant., tra cui quelle di Berna, Friburgo (La Poya) e Lucerna. Quest'ultima, situata all'Allmend e inaugurata nel 1935, è opera di Armin Meili ed è stata classificata fra i monumenti storici.

Dal 1960 la modernizzazione dell'esercito ha generato nuovi bisogni nel campo dell'istruzione. Bure, Drognens (com. Siviriez), Hinterrhein, il Petit Hongrin (com. Corbeyrier) e Wichlen (Elm, oggi com. Glarona Sud) sono stati concepiti per le truppe meccanizzate e leggere; Dübendorf, Emmen e Payerne per le forze aeree; Brugg e Bremgarten per il genio. Alcune caserme, edificate in periferia nel XIX sec., si sono ritrovate nel XX sec. nei centri delle città, ed è stato perciò necessario spostarle: la piazza d'armi di Kloten è stata trasferita a Bülach a causa dell'espansione dell'aeroporto; quella di Yverdon a Chamblon; quella di Zurigo nel Reppischtal e quella di San Gallo a Neuchlen-Anschwilen; quella di Basilea ha cambiato cant., spostandosi a Moudon via Losanna (Pontaise). A Ginevra, la caserma di Vernets ha sostituito quella di Plainpalais. I vecchi edifici sono stati spesso destinati a uso dell'amministrazione o delle attività sociali e culturali. Lo sviluppo del settore militare implicò nuove installazioni o l'estensione delle piazze d'armi, il che pose diversi problemi e provocò le resistenze della pop. civile, causando scontri, attentati e il rafforzamento dell'antimilitarismo. Per i corpi meccanizzati, il Dip. militare ha tentato invano di costruire una piazza d'armi a Aigle e poi nelle Franches-Montagnes, prima di riuscirvi a Bure. Il progetto di Rothenthurm ha provocato il lancio di un'iniziativa popolare per la protezione delle paludi, accettata nel 1987, ed è stato quindi abbandonato. Nel 1994 il popolo e i cant. hanno invece rifiutato di limitare nella Costituzione il numero delle piazze d'armi; queste ultime, dagli anni 1980-90, si dedicano anche alla salvaguardia dell'ambiente; nel Petit Hongrin ad esempio convivono bestiame, alpigiani e militari. La riduzione degli effettivi e la ristrutturazione previsti nell'ambito di Esercito XXI hanno fatto si che dal 2004 numerose caserme e piazze d'armi abbiano perso la loro funzione. Il forte di Savatan (com. Saint-Maurice VS) é così diventato sede dell'acc. di polizia dei cant. di Vaud e Vallese, mentre l'ex caserma di Reppischtal (com. Birmensdorf) accoglie l'acc. militare del Politecnico fed. di Zurigo.


Bibliografia
INSA
– U. Lehrer, Wandel und Handel der Kaserne Zürich, 1989
– M. Charrière, La Poya, 1991
– J. Meyer, «Les obligations des communes en matière militaire», in RMS, 1991, n. 7-8, 23-29

Autrice/Autore: Hervé de Weck / czu