Esperanto

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

L'esperanto, il progetto di lingua artificiale pianificata presentato nel 1887, si diffuse in Svizzera intorno al 1900. Nel 1902 fu fondata la Svisa Esperanto-Societo (SES), con l'organo di informazione Svisa Espero (tra il 1973 e il 1990 Svisa Esperanto revuo). Nel 1908 Hector Hodler (figlio del pittore Ferdinand) ed Edmond Privat fondarono la Universala Esperanto-Asocio (UEA), con sede a Ginevra fino al 1947, poi in Gran Bretagna e dal 1955 a Rotterdam. Sei dei congressi mondiali, che di regola si tengono una volta all'anno, si sono a tutt'oggi svolti in Svizzera. Tra il 1946 e il 1992 la Soc. sviz. di radiotelevisione ha trasmesso, sulle onde corte, una cronaca in esperanto bisettimanale. Nel 1969 Claude Gacond ha fondato un centro culturale esperanto a La Chaux-de-Fonds; la biblioteca della cittÓ di La Chaux-de-Fonds Ŕ specializzata in lingue pianificate.


Bibliografia
Enciklopedio de Esperanto, 1934
Esperanto en perspektivo, 1974
– A. Baur, La fenomeno Svislando, 1977

Autrice/Autore: Arthur Baur / did