Schweizer Rundschau

Rivista catt. di cultura e politica, pubblicata a Stans dal 1900 con il titolo di Schweizerische Rundschau e redatta da Anton Gisler e Hans von Matt. Dal 1924 venne redatta da Carl Doka e pubblicata a Einsiedeln con il sottotitolo Monatschrift für Geistesleben und Kultur. Dal 1944 la rivista prese il nome di Schweizer Rundschau, venne stampata presso diversi editori e fu curata fino al 1963 da Siegfried Streicher. Sotto Gisler e von Matt divenne un palcoscenico per intellettuali e scrittori catt. Con Doka gli argomenti letterari furono posti in secondo piano da temi politici e di politica culturale e da approfondimenti critici, con numeri speciali consacrati a questioni politiche e sociali, come la borghesia, il federalismo o il bolscevismo. Streicher conferì al periodico un taglio culturale e letterario di ampio respiro ideologico, ma perpetuò la tradizione dei numeri speciali. La pubblicazione della rubrica Chronik der Weltpolitik iniziata da Doka proseguì ancora fino al 1970; Urs C. Reinhardt fu l'ultimo redattore (1964-78).


Bibliografia
– Blaser, Bibl., 865

Autrice/Autore: Ruedi Graf / lta