No 6

Rossi, Domenico Egidio

battesimo 1.9.1659 Fano (Marche), morte 19.2.1715 Fano, catt., di Arzo (oggi com. Mendrisio). Figlio di Joseffo, di Fano. Una prima menz. del 1689 documenta la sua presenza nei pressi di Vienna in qualità di pittore quadraturista e poi di architetto al servizio del principe di Liechtenstein. Tra le sue prime opere si annovera il palazzo Caprara a Vienna (1698) per il conte Enea Silvio Caprara. Nel 1692 il conte Hermann Jakob Czernin gli attribuì il controllo sull'attività edilizia della sua fam. in Boemia e in Austria. Nel 1697 entrò alle dipendenze del margravio di Baden-Baden. Tornò in Italia nel 1707, dove lavorò tra l'altro per Francesco Farnese (1712), duca di Parma e Piacenza. Esponente del barocco franco-renano, tra le sue opere più importanti figurano il castello di Rastatt (Baden) e il progetto della sistemazione urbana della città (1697-1707).


Bibliografia
– G. Passavant, Studien über D. E. Rossi und seine baukünstlerische Tätigkeit innerhalb des süddeutschen und österreichischen Barocks, 1967
– W. E. Stapfel, D. E. Rossi als Architekt des Rastatter Schlosses, 1986

Autrice/Autore: Eliana Perotti