No 1

Poncini, Tommaso

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

nascita ca. 1590, morte 1659 Varsavia, catt., di Viglio (oggi com. Collina d'Oro). Figlio di Giulio e di una Lucia. ∞ 1) Agnieszka Świeykowska; 2) Katarzyna Ruszkowiczówna; 3) Barbara Gródnicka; 4) Anna Sekułanka. Attestato in Polonia dal 1620, fu attivo dapprima come muratore a Varsavia e poi come architetto per la corte reale. Su commissione di Jakub Zadzik, vescovo di Cracovia, eseguģ il palazzo vescovile di Kielce, la sua opera principale (1637-41), la chiesa di Raków (dal 1640) e la cappella funebre presso la cattedrale di Cracovia (1645-47). Per il primate Maciej Łubieński realizzņ il corpo a tre navate della cappella del quadro miracoloso a Częstochowa (1641-44) e ricostruģ, insieme al fratello Andrea, la collegiata di Łowicz (1652-54). Il suo stile coniuga elementi dell'architettura lombarda del XVI sec. e del primo barocco romano, gią presenti in Polonia nell'arte locale.


Bibliografia
– M. Karpowicz, Artisti ticinesi in Polonia nella prima metą del '600, 2002, 201-213 (con bibl.)
– M. Karpowicz, Tomasz Poncino, architekt pałacu kieleckiego, 2002

Autrice/Autore: Mariusz Smoliński