• <b>Tipografia elvetica</b><br>Pagina del titolo di un opuscolo di Vincenzo Gioberti pubblicato a Capolago nel 1846 (Archivio di Stato del Cantone Ticino). In questa pubblicazione il sacerdote italiano propose la formazione di una confederazione di Stati italiani sotto la presidenza del papa. Questa teoria, il neo-guelfismo, ebbe grande influenza presso le cerchie favorevoli all'unità d'Italia.

Tipografia elvetica

Azienda tipografica con annessa libreria, fondata a Capolago il 9.10.1830 da Vincenzo Borsa di Melano associato ad altri Ticinesi ed esuli it., tra cui Carlo Modesto Massa e Alessandro Repetti, quest'ultimo dal 1847 proprietario unico della stamperia. Editrice di periodici, in relazione d'affari con importanti editori it., pubblicò opere di grande impegno civile e onere finanziario di autori come Carlo Botta, Pierre-Antoine-Noël-Bruno Daru, Vincenzo Gioberti, Francesco Guicciardini, Georg Wilhelm Friedrich Hegel, Jean Charles Léonard Simonde de Sismondi e Adolphe Thiers, in parte proibiti in Italia dalla severa censura libraria. Dopo il 1847-48, la stamperia si configurò come centro di riferimento per la battaglia nazionale dei patrioti it., in particolare con le celebri collane dirette da Carlo Cattaneo Documenti della guerra santa d'Italia (1849-51) e Archivio triennale delle cose d'Italia (1850-53). La condanna a morte di Luigi Dottesio, patriota comasco scoperto a contrabbandare in Italia libri proibiti della Tipografia elvetica (1851), aggravò le difficoltà di quest'ultima, dovute all'inasprito controllo fed. e cant. delle sue attività a seguito dell'acuirsi delle tensioni con il Lombardo Veneto e alla progressiva introduzione della libertà di stampa oltre confine. Aperta una succursale a Torino sotto il nome Libreria Patria, cessò l'attività nel 1853.

<b>Tipografia elvetica</b><br>Pagina del titolo di un opuscolo di Vincenzo Gioberti pubblicato a Capolago nel 1846 (Archivio di Stato del Cantone Ticino).<BR/>In questa pubblicazione il sacerdote italiano propose la formazione di una confederazione di Stati italiani sotto la presidenza del papa. Questa teoria, il neo-guelfismo, ebbe grande influenza presso le cerchie favorevoli all'unità d'Italia.<BR/>
Pagina del titolo di un opuscolo di Vincenzo Gioberti pubblicato a Capolago nel 1846 (Archivio di Stato del Cantone Ticino).
(...)


Bibliografia
– R. Caddeo, La tipografia Elvetica di Capolago (1830-1853), 1931
– R. Caddeo, Le edizioni di Capolago (1830-1853), 1934
– F. Mena, Stamperie ai margini d'Italia, 2003

Autrice/Autore: Carlo Agliati