No 13

Bernoulli, Nicolaus

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

nascita 10.10.1687 Basilea, morte 29.11.1759 Basilea, rif., di Basilea. Figlio di Nicolaus, pittore e Consigliere, e Ursula Stńhelin. Nipote di Jacob ( -> 7) e di Johann ( -> 9). ∞ 1) Anna Maria Birr, di Basilea; 2) Katharina Battier, di Basilea. Nel 1700 inizi˛ a Basilea gli studi di giurisprudenza; nel 1704 divenne magister artium, con una tesi in cui difese l'ultima dissertazione di suo zio Jacob sulle serie infinite. Nel 1709 conseguý il dottorato con uno studio sull'applicazione del calcolo delle probabilitÓ a problemi giur. Fece viaggi di studio a Groninga, presso suo zio Johann (1705), a Berna, Ginevra, Lione e Parigi (1710), in Inghilterra e Francia (1712-13); in quest'ultima occasione indic˛ a Isaac Newton alcune lacune nella dimostrazione dei Principia, giÓ discusse nella cerchia di B., incoraggiandone la correzione. Invano si candid˛ a una cattedra basilese nel 1714, 1720 e 1722. Nel 1716, dopo lunghe insistenze da parte di Gottfried Wilhelm Leibniz e dei suoi amici, fu designato quale successore di Jacob Hermann alla cattedra di matematica di Padova, di cui fu titolare fino al 1719. Rientrato a Basilea, nel 1722 ottenne la cattedra di logica e dal 1731 fino alla morte quella di diritto feudale; per dieci volte fu decano della facoltÓ di diritto e per cinque rettore dell'Univ. di Basilea. Fu membro dell'Acc. delle scienze di Berlino (1713) e della Royal Society di Londra (1714). Le sue pubblicazioni non furono numerose, ma fornirono importanti contributi alla soluzione dei problemi delle traiettorie e del calcolo differenziale di Riccati. Nel suo epistolario (ca. 550 pezzi conservati) tratt˛ diversi problemi scientifici, in particolare la teoria delle probabilitÓ e la convergenza delle serie infinite. La sua soluzione al problema della somma degli inversi dei numeri quadrati (1737), che Leibniz e suo zio Jacob non erano riusciti a risolvere, rimase in un primo momento impubblicata. Nel 1713 diede alle stampe l'Ars conjectandi dello zio e nel 1744 la sua Opera omnia (con Gabriel Cramer).


Opere
– [Un'edizione delle opere e delle lettere di B. Ŕ attualmente in preparazione a Basilea]
Bibliografia
– Poggendorff, Hwb., 7a, 81 sg.
DSB, 2, 56 sg.

Autrice/Autore: Fritz Nagel / rtu