Bonvillars

Com. VD, distr. Grandson dal 1798; (1100: Binvilar). Villaggio ai piedi del Giura: si estende dal lago di Neuchâtel al Mont Aubert e comprende le frazioni di La Coudre e Les Vullierens. Pop: 36 fuochi nel 1416, 376 ab. nel 1803, 470 nel 1850, 515 nel 1900, 353 nel 1950, 270 nel 1960, 344 nel 2000. Sono stati rinvenuti un menhir del Neolitico, le vestigia di una villa romana e tombe burgunde. Nel ME la signoria di B. faceva parte di quella di Grandson. Dal 1476 fu circoscrizione giudiziaria (métralie) del baliaggio di Grandson. Il villaggio era gestito da un'assemblea della comunità. Il diritto di patronato sulla chiesa parrocchiale di S. Nicola appartenne al priorato di Baulmes, poi a quello di Payerne (dal 1294). Dal 1846 la parrocchia è annessa a quella di Champagne, dopo aver fatto parte di quella di Onnens dal 1532. La casa signorile La Cour risale al XV sec. ma subì importanti trasformazioni nel XVII sec. Villaggio a vocazione viticola, B. produce eccellenti vini rossi e bianchi; la confraternita dei viticoltori fu fondata nel 1606. La zona industriale fu acquisita in blocco dalle Fabriques de tabacs réunies nel 1966, che vi fecero costruire grandi depositi nel 1973 e una fabbrica di sigarette nel 1990.


Bibliografia
– V.-H. Bourgeois, Au pied du Jura, 1906, 205-212 (19823)
Une contribution à la sauvegarde des villages et bourgs vaudois, 2, 1974

Autrice/Autore: Philippe Heubi / pcr