Aefligen

Com. BE, distr. Burgdorf; (1261: Efflingen). Villaggio sulle rive della Emme, composto dai quartieri di Schachen, Ischlag e Neuhof. Pop: 191 ab. nel 1764, 483 nel 1850, 490 nel 1900, 739 nel 1950, 1014 nel 2000. A., dapprima proprietÓ dei signori von Kyburg, von Aarwangen e del monastero di Sankt Urban, nel XIII sec. pass˛ al vicino monastero di Fraubrunnen, che giÓ nel 1297 possedeva la curtis principale di questo insediamento. Il villaggio faceva parte della parrocchia di Kirchberg; sottostava alla bassa giurisdizione di Bńtterkinden e alla signoria di Landshut (divenuta nel 1510/14 baliaggio bernese). Ad A. si praticava la cerealicoltura in base al sistema di avvicendamento delle colture. Dal XIV sec. gli ab. ebbero ripetute liti con i villaggi vicini e con il monastero per i diritti di pascolo sui terreni comuni; grazie alla spartizione delle proprietÓ collettive il com. ottenne foreste proprie al RŘdtligerwald nel 1847 e una parte di palude nel 1856. Nel 1838 fu costruito il primo ponte sulla Emme; la stazione della ferrovia Burgdorf-Soletta risale al 1875. Sede di varie industrie, tra cui una tessitura (1886-1920), una fonderia (del 1945) e una fabbrica di apparecchi (del 1954), nonostante lo sviluppo del secondario e del terziario (che nel 1990 offrivano il 41%, risp. il 47% dei posti di lavoro), il villaggio mantenne a lungo un carattere agricolo-artigianale. Attualmente A. Ŕ un com. residenziale, con un'alta percentuale di pendolari in uscita (72% nel 1990).


Fonti
FDS BE, II/9
Bibliografia
Chronik der Gemeinde Aefligen, 1987
Herzlich willkommen in Aefligen, 1987

Autrice/Autore: Anne-Marie Dubler / lss