Paleari [Pagliaro, Paliari]

Fam. nobile di Morcote, di origine milanese (XI sec.), attestata la prima volta nel com. tra la metÓ del XIII e gli inizi del XIV sec. Tra i suoi esponenti figurano giureconsulti, religiosi, soldati, architetti e ingegneri militari, attivi in Ticino, Italia e Spagna. I P. furono nel 1432 tra le fam. del borgo sopravvissute alla peste. Sotto i duchi di Milano, rivestirono la carica di podestÓ e castellano di Morcote (Martino, 1469-81; Lorenzo, 1479). Bernardino (morte 1542) e Prospero (morte prima del 1620) furono arcipreti di Como. Il capomastro Antonio "da Morc˛" (morte 1591), collaboratore di Andrea Palladio, fu attivo in S. Giorgio Maggiore a Venezia (1568-89). Dal cit. Martino (morte dopo il 1498), castellano, e da suo figlio Giovan Francesco ( -> 4), discendono gli ingegneri militari P. detti "Fratino" (soprannome che diventerÓ un patronimico), divenuti celebri nel XVI sec. in Spagna: Giovan Giacomo ( -> 5), Bernardino ( -> 1), Giorgio ( -> 3) e il figlio risp. l'abiatico di questi, Francesco ( -> 2) e Pietro ( -> 6). Vespasiano P. Fratino (1846-1907), agronomo, introdusse la coltivazione del Merlot in Ticino (1891). Il ramo dei P.-Fratino si estinse nel 1974.


Archivi
– APriv Paleari Fratino, Morcote
Bibliografia
– M. Vigan˛, "El fratin mi ynginiero", 2004 (con bibl.)

Autrice/Autore: Marino Vigan˛