Paleari [Pagliaro, Paliari]

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Fam. nobile di Morcote, di origine milanese (XI sec.), attestata la prima volta nel com. tra la metÓ del XIII e gli inizi del XIV sec. Tra i suoi esponenti figurano giureconsulti, religiosi, soldati, architetti e ingegneri militari, attivi in Ticino, Italia e Spagna. I P. furono nel 1432 tra le fam. del borgo sopravvissute alla peste. Sotto i duchi di Milano, rivestirono la carica di podestÓ e castellano di Morcote (Martino, 1469-81; Lorenzo, 1479). Bernardino (morte 1542) e Prospero (morte prima del 1620) furono arcipreti di Como. Il capomastro Antonio "da Morc˛" (morte 1591), collaboratore di Andrea Palladio, fu attivo in S. Giorgio Maggiore a Venezia (1568-89). Dal cit. Martino (morte dopo il 1498), castellano, e da suo figlio Giovan Francesco ( -> 4), discendono gli ingegneri militari P. detti "Fratino" (soprannome che diventerÓ un patronimico), divenuti celebri nel XVI sec. in Spagna: Giovan Giacomo ( -> 5), Bernardino ( -> 1), Giorgio ( -> 3) e il figlio risp. l'abiatico di questi, Francesco ( -> 2) e Pietro ( -> 6). Vespasiano P. Fratino (1846-1907), agronomo, introdusse la coltivazione del Merlot in Ticino (1891). Il ramo dei P.-Fratino si estinse nel 1974.


Archivi
– APriv Paleari Fratino, Morcote
Bibliografia
– M. Vigan˛, "El fratin mi ynginiero", 2004 (con bibl.)

Autrice/Autore: Marino Vigan˛