Barberini (TI)

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Fam. originaria di Mendrisio, menz. dal 1419, anno in cui un suo esponente sottoscrisse quale testimone il testamento del conte Loterio Rusca; la fam. aveva pure diramazioni a Lugano. In entrambi i com. i B. detennero fino al 1817 l'appalto dei pesi e delle misure. Alcuni membri della fam. ricoprirono importanti cariche a livello com.: nel 1440 Giacomo venne designato quale delegato di Mendrisio presso il Consiglio generale della valle di Lugano; l'anno successivo Bertramo Ŕ attestato quale nobile Consigliere del borgo. Da allora e fino al 1640 la fam. fu sempre rappresentata con un seggio nel Consiglio. Tra i suoi discendenti figurano inoltre Andrea (XVI sec.), dottore in teol. e priore dei serviti nel convento di Mendrisio, Gaspare (XVI sec.), viceparroco di Morbio Inferiore, promotore del santuario della Madonna ed esorcista, e Giovanni Battista (1625-1691/1692), scultore e stuccatore, che lavor˛ a Bellinzona (1661 e 1687) e Castel San Pietro (1687), nonchÚ nella valle d'Intelvi, a Mantova, a Bologna, a Cremona e a Vienna. La fam. si estinse verso la fine del XIX sec.


Bibliografia
– M. Medici, Storia di Mendrisio, 2 voll., 1980
DBI, 6, 176-178

Autrice/Autore: Alessandra Maffioli