06/01/2016 | segnalazione | PDF | stampare

Daillens

Nell’edizione a stampa questo articolo è corredato da immagini. È possibile ordinare il DSS presso il nostro editore.

Com. VD, distr. Cossonay dal 1798; (1109: Dallens). Pop: 30 fuochi nel 1453, 347 ab. nel 1764, 322 nel 1798, 405 nel 1850, 428 nel 1900, 414 nel 1950, 338 nel 1970, 598 nel 2000. Nelle località A la Condémine e Sus le puit è stata scoperta un'importante necropoli dell'alto ME. Durante il ME il territorio di D. apparteneva a diversi signori laici ed ecclesiastici, tra cui il capitolo di Losanna, i baroni de Cossonay e i nobili de D. Il villaggio venne riunificato in una sola signoria nel 1766. Sotto il regime bernese D. formò con Bettens una castellania dipendente dal baliaggio di Moudon, formando una enclave all'interno del baliaggio di Morges. Il com. era gestito dall'assemblea della comunità. Dalla parrocchia di D., attestata dal 1228 (chiesa dedicata alla Vergine), dipesero le filiali di Bettens (fino al 1837) e in seguito quella di Penthalaz. Nel 1983 è stata realizzata la ricomposizione parcellare. Situato all'incrocio delle linee ferroviarie Losanna-Neuchâtel (1860) e Losanna-Cossonay-Vallorbe (1870), dal 1971 al 1997 il com. di D. ha ospitato i depositi della Regia fed. degli alcool. Nel 1999 La Posta ha aperto nella medesima area uno dei suoi tre centri di smistamento informatizzato dei pacchi.


Bibliografia
– J. Schmid-Golay, Ce bon vieux temps: Daillens au XIXe siècle, 1984
– D. Décosterd, Région de Cossonay: programme de développement, 3 voll., 1990-1991

Autrice/Autore: Marianne Stubenvoll / czu