• <b>Cuarnens</b><br>La casa parrocchiale e la chiesa attorno al 1830; acquatinta di  Samuel Weibel (Collezione privata, tutti i diritti riservati).

Cuarnens

Com. VD, distr. Cossonay dal 1798; (1001: Quarningis). Villaggio alle pendici del Giura, attraversato dalla Venoge. Pop: 374 ab. nel 1764, 414 nel 1850, 481 nel 1900, 358 nel 1950, 275 nel 1970, 395 nel 2000. Oltre a un'iscrizione funeraria (scomparsa) rinvenuta all'inizio del XVIII sec., sono state scoperte due villae, in una delle quali sono stati compiuti degli scavi (costruzione del secondo quarto del I sec., abbandonata verso la metà del III sec., con un complesso balneare); vi sono tracce di centuriazione. Diversi stabilimenti siderurgici furono attivi nei pressi di C. Tombe attribuite ai Burgundi sono state portate alla luce nel Vuichime. L'abbazia del Lac de Joux, anticamente denominata abbazia del Lac de C., vi possedette diritti e terre (in parte donazioni dei Grandson, dei Corbières e della fam. de C.) e un mulino bannale, menz. dal 1141, usato dalla pop. della valle di Joux. Il priorato di Romainmôtier e il convento dei domenicani di Losanna vi avevano anch'essi dei diritti. Nel 1378 Jaquet de C. vendette all'abbazia alcuni benefici e la foresta dei Rueyres; nel 1439 il priorato di Romainmôtier e i domenicani di Losanna le cedettero i propri diritti. Nel 1583 la terra di C. fu separata dalla baronia di La Sarraz. Nel 1602 Pierre de Gingins ricevette la signoria di C., che nel 1678 passò ai Chandieu e dopo il 1707 ai Mestral d'Arrufens. C. fece infine parte del baliaggio bernese di Romainmôtier. Il com. era amministrato da un Consiglio dei Dodici. Del castello della Grange, edificato nel XII sec. e demolito nel 1928, si è conservata soltanto la facciata principale risalente al 1637. La chiesa, dedicata a S. Desiderio, esisteva già nel 1001, e nel 1228 era parrocchiale; tra il 1733 e il 1737 fu costruito un nuovo edificio di culto. C. è rimasto un com. agricolo. La Venoge azionava diverse segherie; dal 1968 un canale (1692) in disuso accoglie una piscicoltura.

<b>Cuarnens</b><br>La casa parrocchiale e la chiesa attorno al 1830; acquatinta di  Samuel Weibel (Collezione privata, tutti i diritti riservati).<BR/>
La casa parrocchiale e la chiesa attorno al 1830; acquatinta di Samuel Weibel (Collezione privata, tutti i diritti riservati).
(...)


Bibliografia
– H. Felka, F. Loï-Zedda, «La villa gallo-romaine de Cuarnens», in Etudes de lettres, n. 1, 1982, 49-75
– M. Grandjean, Les temples vaudois, 1988, 252-254
– C. Martinet, L'abbaye Prémontrée du Lac de Joux, 1994

Autrice/Autore: Emmanuel Abetel / czu