• <b>Bière</b><br>La chiesa e la casa parrocchiale attorno al 1830; acquatinta acquerellata di  Samuel Weibel (Collezione privata, tutti i diritti riservati).

Bière

Com. VD, distr. Aubonne. Villaggio raggruppato al centro di un altopiano agricolo ai piedi del Giura; (1177: Beria). Pop: 632 ab. nel 1764, 663 nel 1798, 1181 nel 1850, 1350 nel 1888, 1269 nel 1900, 1133 nel 1930, 1181 nel 1950, 1408 nel 1990, 1353 nel 2000. Nella località sono state rinvenute vestigia di un campo fortificato romano e sepolture risalenti all'alto ME. Varie fam., tra cui i de B., vi possedevano feudi. Il villaggio si sviluppò nel XII sec. grazie al priorato del Gran San Bernardo e alla confraternita del S. Spirito, che possedeva boschi, pascoli, vigne e una casa (oggi sala parrocchiale) ed ebbe un ruolo importante nella nascita dell'amministrazione com. Dopo il 1536 i beni del priorato (divenuto signoria, con un tribunale di nove membri), furono acquistati da Hans Steiger, scoltetto di Berna. Nel XVIII sec. la signoria divenne proprietà dell'olandese Fabrice Burmann, in seguito dei banchieri ginevrini Georges Tobie Thellusson e Jacques Necker. L'archivio del castello fu distrutto dai Bourla-Papey nel 1802. Fino al 1798, il com. venne amministrato da un Consiglio dei Dodici, nell'ambito del baliaggio di Morges. La chiesa di S. Benedetto (XV sec.) conserva parti del XII sec. La parrocchia, menz. nel 1228, comprese Mollens e Ballens da dopo la Riforma al 1833. Accanto alle attività agricole e selvicolturali, ben presto sorsero a B. mulini, segherie, fucine, una conceria e una fornace, che utilizzavano la forza idrica dell'Aubonne (dal 1603 al 1837 sfruttata anche da una cartiera). L'esercito fed. usò periodicamente la piana di B. fino dal 1822; acquisti fondiari e convenzioni tra com. e cant. permisero di creare nel 1874 una piazza d'armi (di proprietà della Conf. dal 1913) per l'artiglieria e la fanteria. Nel 1895 B. fu collegata alla linea ferroviaria Losanna-Ginevra con la linea B.-Apples-Morges. La fine del XX sec. è caratterizzata dalla scomparsa della selvicoltura, da un'agricoltura efficiente, dalla costruzione di alloggi, soprattutto per pendolari e stranieri, e da una pop. stabile.

<b>Bière</b><br>La chiesa e la casa parrocchiale attorno al 1830; acquatinta acquerellata di  Samuel Weibel (Collezione privata, tutti i diritti riservati).<BR/>
La chiesa e la casa parrocchiale attorno al 1830; acquatinta acquerellata di Samuel Weibel (Collezione privata, tutti i diritti riservati).
(...)


Bibliografia
– D. Pedrazzini, Place d'armes de Bière, 1874-1974, 1974
– H. Burnier, Bière, 1984

Autrice/Autore: Henri Burnier / vfe