Berolle

Com. VD, distr. Aubonne. Villaggio raggruppato con tre frazioni, situato ai piedi del Giura; (1235: Birula, 1453: Birolaz). Pop: 176 ab. nel 1764, 244 nel 1850, 305 nel 1870, 255 nel 1900, 177 nel 1950, 128 nel 1970, 212 nel 2000. Vestigia di un insediamento romano e tombe del IX sec. sulla collina di Arnichens. Il villaggio dipese dal convento di Romainmôtier fino al 1536. Dal XVI sec., la signoria di B. appartenne agli Steiger, poi ai Lavigny; Jacques Necker ne fu l'ultimo signore. Sotto il regime bernese e fino al 1798 B. fece parte del baliaggio di Morges poi del distr. di Aubonne. La chiesa parrocchiale è del 1397 e fu ricongiunta alla parrocchia di Bière fin dalla Riforma; l'edificio venne ricostruito nel 1834. La frazione La Verrière deve la sua creazione a una vetreria attiva dal 1730 al 1750, poi chiusa per ordine delle autorità bernesi. In virtù della legge del 1810 sulle foreste, B. riacquistò la parte indivisa di pascolo e di bosco da sempre riconosciuta al com. di Bière e per questo dovette cedergli 100 ettari di foresta. Nel 1807 il territorio com. si estese con l'inserimento di 300 ettari di montagna appartenenti a Ballens. Il villaggio ha conservato la sua vocazione agricola.


Bibliografia
– F. Besson, Les verriers de Montricher 1709-1731, 1984
– AA. VV., Berolle, 1991

Autrice/Autore: Frédéric Besson / far