21/07/2009 | segnalazione | PDF | stampare | 

Apples

Com. VD, distr. Aubonne; (1011: Aplis). Il villaggio si è accresciuto di tre quartieri periferici (abitato integrato a La Mottaz nel 1968). Pop: 24 fuochi nel 1416, 362 ab. nel 1764, 591 nel 1850, 546 nel 1900, 587 nel 1950, 1159 nel 2000. Sono attestate pietre cuppelliformi, vestigia di insediamento romano, necropoli dell'alto ME. Cappella dell'VIII sec. La chiesa parrocchiale, dedicata a S. Pietro, fu donata da Rodolfo di Borgogna all'abbazia di Romainmôtier il 18.2.1011 assieme al villaggio. Secondo il Placito generale del 1327, gli ab., benché liberi, erano soggetti alla manomorta e alla tassa di maritaggio. Essi venivano convocati alle assemblee o placiti (plaids) generali. Nel 1536 i Bernesi integrarono A., allora enclave tra i baliaggi di Morges e Aubonne, a quello di Romainmôtier. Il com. era amministrato da un Consiglio dei Dodici; la casa com. risale al 1669. A. fu annessa al distr. di Morges nel 1798, a quello di Aubonne nel 1803. Nel 1798 i boschi demaniali di Savoye e Saint-Pierre (95 ettari) passarono al cant. La tenuta forestale di Fermens (160 ettari, di proprietà di due fondazioni) deve la sua esistenza alla divisione delle terre di Henri de Colombier (atto del 1435). L'attuale sviluppo di A. è legato alla sua posizione, alla facilità delle comunicazioni (stazione della linea Bière-A.-Morges) e alla presenza di industrie di punta (connettori elettrici, tubi di acciaio inossidabile). Ad A. vi sono un maneggio, un centro scolastico e una struttura medico-sociale regionale.


Bibliografia
– A. Decollogny, Apples, 1945
– P. Bonard, Fontaines d'Apples, 1980
– P. Bonard, Les cloches d'Apples, 1981
– F. Besson, L'hôtel de Commune d'Apples, 1986
– N. Hofmann, Apples, 1991

Autrice/Autore: Frédéric Besson / fza