25/02/2010 | segnalazione | PDF | stampare | 

Avegno

Com. TI, distr. Vallemaggia; primo com. della valle, sulla sponda sinistra della Maggia. Il villaggio, cit. giÓ nel 1189 (Vegno), si componeva di tre frazioni ben distinte, ora quasi fuse in un solo agglomerato. Pop: 63 fuochi nel 1591, 490 ab. nel 1703, 400 nel 1801, 399 nel 1850, 322 nel 1900, 167 nel 1941, 215 nel 1950, 493 nel 2000. GiÓ nel XIV sec. A. e Gordevio avevano un proprio cappellano, anche se probabilmente si separarono dalla matrice di Maggia solo intorno al 1645. La chiesa parrocchiale dei SS. Luca e Abbondio, consacrata nel 1313, venne ampliata nel XVII sec. e conserva stucchi secenteschi. L'agricoltura, in passato occupazione principale della pop., Ŕ ora quasi scomparsa; alcune attivitÓ artigianali (produzione di gerle, canestri e ceramiche) e di lavorazione della pietra contribuirono a contenere l'emigrazione. Il forte aumento demografico degli ultimi decenni Ŕ dovuto alla vicinanza dell'agglomerato urbano di Locarno. Nel piano del fondovalle si sono insediate alcune imprese, diverse strutture sportive e campeggi. Nel 1982 A. ha ricevuto il premio Wakker, quale riconoscimento per lo sforzo di salvaguardia delle caratteristiche ambientali ed architettoniche.


Bibliografia
– G. Martini (a cura di), Vallemaggia, 1988, 74

Autrice/Autore: Daniela Pauli Falconi