Villa Luganese

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Ex comune TI, distretto Lugano, dal 2008 parte del comune di Lugano; (864: Colonaco; 1209: Coliono; 1326: Villa). Il villaggio Ŕ situato sul versante occidentale della catena montuosa dei Denti della Vecchia. Pop: 45 fuochi nel 1670, 267 ab. nel 1801, 264 nel 1850, 229 nel 1900, 233 nel 1950, 467 nel 2000. Noto anticamente con il solo nome Villa, fu probabilmente colonizzato precocemente. Nell'alto ME apparteneva a una curtis della chiesa (dal 1040 ca. abbazia benedettina) di S. Carpoforo di Como. Dal 1326 al 1800 fece parte della castellanza di Sonvico, che durante il dominio milanese e conf. godette di una relativa autonomia. Nel 1512-14 furono suddivisi gli alpi tra V. e Sonvico, ma le controversie non cessarono. Sul piano ecclesiastico V. fece capo a Sonvico fino al 1830, quando divenne parrocchia autonoma. La chiesa tardomedievale di S. Maria Assunta, menz. dal 1473, fu trasformata in stile barocco nel 1720-30 (restauri da ultimo nel 1976-77). Villaggio dedito all'allevamento, negli anni 1950-60 si orient˛ verso l'industria e l'artigianato e in seguito verso i servizi. All'inizio del XXI sec. V. era essenzialmente un centro residenziale, pur conservando il suo aspetto tradizionale. Nel 2000 quasi i quattro quinti della pop. attiva erano pendolari in uscita.


Bibliografia
– L. Bernasconi, R. Galeri, Villa Luganese, 1991

Autrice/Autore: Antonio Gili