• <b>Fritz Boscovits</b><br>Manifesto per un ballo in maschera all'albergo Baur au Lac a Zurigo nel 1923 (Museum für Gestaltung Zürich, Plakatsammlung, Zürcher Hochschule der Künste).

No 1

Boscovits, Fritz

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

nascita 13.11.1871 (Franz Friedrich) Zurigo, morte 22.6.1965 Kilchberg (ZH), di Zurigo. Figlio di Johann Friedrich, pittore ungherese, redattore e disegnatore del Nebelspalter. ∞ (1900) Maria Elisabeth Köhl. Dopo la formazione all'Acc. di Monaco (1889-95), soggiornò a Firenze fino al 1897. Dal 1897 al 1904 visse a Zurigo, poi si trasferì a Zollikon. Realizzò affreschi allegorici per l'edificio delle Poste di Sciaffusa (1891) e per l'Ist. di scienze naturali del Politecnico fed. di Zurigo (1915). Nel corso degli anni i suoi paesaggi, che nella contrastata ricchezza chiaroscurale e nella pennellata libera evocano opere di Cuno Amiet e Giovanni Giacometti, si fecero più pacati. Realizzò solo due ritratti, in cui si avverte l'influsso di Ferdinand Hodler. Dagli anni '20 B. eseguì prevalentemente nature morte con fiori e scene di genere, contraddistinte da una vena caricaturale. Dal 1896 e soprattutto dopo il 1930 fu tra i principali caricaturisti del Nebelspalter (il suo pseudonimo era "Bosco"). Fu inoltre autore di francobolli, programmi di manifestazioni, manifesti e illustrazioni.

<b>Fritz Boscovits</b><br>Manifesto per un ballo in maschera all'albergo Baur au Lac a Zurigo nel 1923 (Museum für Gestaltung Zürich, Plakatsammlung, Zürcher Hochschule der Künste).<BR/>
Manifesto per un ballo in maschera all'albergo Baur au Lac a Zurigo nel 1923 (Museum für Gestaltung Zürich, Plakatsammlung, Zürcher Hochschule der Künste).
(...)


Bibliografia
– H. Waser, «Erinnerungen an F. Boscovits (1871 bis 1965)», in Zolliker Jahrheft, 11, 1988, 34-42
DBAS, 140

Autrice/Autore: Tapan Bhattacharya / mdi