17/05/2004 | segnalazione | PDF | stampare | 
No 1

Baud-Bovy, Auguste

Nell’edizione a stampa questo articolo è corredato da un’immagine. È possibile ordinare il DSS presso il nostro editore.

nascita 13.2.1848 Ginevra,morte 3.6.1899 Davos, rif., di Ginevra e Céligny. Figlio di Henri-Georges Baud, direttore della gioielleria fondata da suo suocero. Cugino di Maurice Baud. ∞ (1868) Zoé-Jeanne-Suzanne Bovy, pittrice su smalto, figlia di Jules, incisore. Dopo il matrimonio B. firmò i suoi quadri Baud-Bovy. Nel castello di Gruyères partecipò alla vita della comunità dei Bovy, ispirata alle dottrine di Charles Fourier. Ritrattista e paesaggista, fu allievo di Barthélémy Menn e subì l'influsso di Gustave Courbet e di Camille Corot. Nel 1875 strinse amicizia con i rifugiati della Comune parigina, tra cui Courbet e Henri Rochefort. Dopo un viaggio in Spagna nel 1880, tra il 1882 e il 1888 visse a Parigi; in seguito si stabilì nella località montana di Aeschi bei Spiez, dove realizzò la serie di dipinti Gestes héroïques des bergers. Per la World's Columbian Exhibition di Chicago del 1893 eseguì, insieme a Eugène Burnand e Francis Furet, il Panorama des Alpes bernoises, andato perso.


Archivi
– Fondo Baud-Bovy presso BPUG
Bibliografia
DBAS, 81

Autrice/Autore: Valentina Anker / gbe